August 2nd, 2012

Come farsi facilmente una Radical-chic

toscanoirriverente:

Le radical-chic si sa, piacciono un po’ a tutti.

sarà per quel capello da ‘la casa nella prateria’ o per la possibilità di sentirci fighi offrendogli una menabrea da 2 euro.

MAMMAbuttaLA PASTA vi da le mosse giuste per limonarvi duro una radical senza troppi sbattoni, evitando appuntamenti in locali osceni e puzzolenti tipo il frida o il Biko e per i più arguti la possibilità addirittura di farsela senza avere la tessera ARCI.

1 - aprite il cassetto e recuperate il nokia 3310 che avevate in prima liceo, nascondete per bene il vostro Blackberry

2 - ripulite il vostro profilo di facebook da tutte le foto di troione mezze nude e post sul calcio

3 - predisponete casa vostra come segue:

andate al libraccio sui navigli o ai mercatini ed acquistate rigorosamente usati:
Libri di flaubert, zola, verga, rimbaud, verlaine, Baudelaire e Svevo.
Riponeteli tutti nella vostra libreria di design  accanto alla discografia di Sergio Cammariere e di Guccini, ad eccezione di un testo che lascerete in bella vista sul  tavolino del salotto accompagnato ad una copia de ‘L’internazionale  e ad un sigaro mezzo fumato.

Appendete alle pareti le foto che ritraggono voi tra gli altopiani del Nepal.Possibilmente in Bianco e nero

4 - invitatela allo spazio oberdan per un qualunque evento, meno gente ci sarà più punti avrete guadagnato.
(è un evento di nicchia sai, non tutti possono capirlo e c’è da dire che anche il fatto che sia alle 4 di pomeriggio non aiuta, molti lavorano ma potrebbero chiedere un permesso, la cultura prima di tutto)

5 - presentatevi in bicicletta fischiettando ludovico einaudi con le clarks ai piedi

6 - finito l’evento invitatela a casa vostra per un aperitivo. (fondamentale aver già perfettamente attuato punto 3)

7 - mettere in sottofondo la musica di john coltrane

8 - preparate un aperitivo tutto bio

9 -raccontatele di quanto milano sia diventata invivibile e ditele che il vostro sogno è aprire una trattoria a Gubbio:
rimarrà a bocca aperta

10 - approfittatene e limonatela

via mammabuttalapasta

March 15th, 2012

toscanoirriverente:

abr:

Qual’è la sorpresa? Per essere di sinistra, te lo devi poter permettere, aò! 

Qui si spara sulla croce rossa.

——-

MA NON ERA ARANCIO? ;-)

February 10th, 2012
February 9th, 2012
toscanoirriverente:

apophis:

thx-1138:

misantropo:

stripeout:

gli impianti fotovoltaici sono connessi alla rete per una serie di ragioni tanto banali che evidentemente è inutile spiegare.. […]


Che pugnettone della madonna, considerato che parliamo dello 0,2% della domanda totale di energia elettrica italiana.

Quello 0,2 ci è costato il 15% in più in bolletta, e centinaia di migliaia di posti di lavoro (ALCOA e THIESSEN vi dicono nulla?).Il tutto per mettere in piedi un meccanismo che peggiora notevolmente la nostra bilancia commerciale (i pannelli sono quasi tutti importati), riempirà le discariche di silicio per i prossimi 100, ed opera a livello sociale come un redistriutore di reddito AL CONTRARIO, prendendo un pezzetto a ciascuno e mandando tanto nelle tasche di pochi.Chi ha messo n piedi questo meccanismo dovrebbe essere bendato e fucilato in piazza quale traditore del paese.

Fucilato fucilato, no… Ma un bel clistere ai biocarburanti non guasterebbe.

toscanoirriverente:

apophis:

thx-1138:

misantropo:

stripeout:

gli impianti fotovoltaici sono connessi alla rete per una serie di ragioni tanto banali che evidentemente è inutile spiegare.. […]

Che pugnettone della madonna, considerato che parliamo dello 0,2% della domanda totale di energia elettrica italiana.

Quello 0,2 ci è costato il 15% in più in bolletta, e centinaia di migliaia di posti di lavoro (ALCOA e THIESSEN vi dicono nulla?).
Il tutto per mettere in piedi un meccanismo che peggiora notevolmente la nostra bilancia commerciale (i pannelli sono quasi tutti importati), riempirà le discariche di silicio per i prossimi 100, ed opera a livello sociale come un redistriutore di reddito AL CONTRARIO, prendendo un pezzetto a ciascuno e mandando tanto nelle tasche di pochi.

Chi ha messo n piedi questo meccanismo dovrebbe essere bendato e fucilato in piazza quale traditore del paese.

Fucilato fucilato, no… Ma un bel clistere ai biocarburanti non guasterebbe.

February 7th, 2012
January 17th, 2012

toscanoirriverente:

Ossia: quando uno è stronzo è stronzo.

——-

Già, davvero difficile fare un commento sul personaggio…

December 5th, 2011
La conferenza stampa di stasera, può non avermi convinto in tutti i contenuti, ma lo sapete da quanto non sentiamo dei contenuti? Lo sapete da quanto non sentiamo un Ministro che spiega una manovra con chiarezza? Certo, sarà durissima, certo, speravo in una patrimoniale, certo, l’iva non aiuta i consumi, certo, le pensioni. Ma potevamo pensare di chiedere a questo gruppetto di professori di salvare l’Italia, accontentando al contempo tutti? Impossibile. E a me già pare un grande risultato così.
Ve le ricordate le conferenze stampa di Berlusconi? Quelle in cui si parlava di giudici comunisti e di complotto? Vi ricordate la manovra di agosto? Quando proponevano una cosa per vedere l’effetto che faceva, poi la ritiravano, poi ne proponevano un’altra. Sembra passato un secolo, sono passati 17 giorni.

Speriamo sia questo il Paese normale | senza aggettivi (via blondeinside)

___________________

Prenderlo nel culo ano come non mai, ma con stile, perbacco!

(via toscanoirriverente)

——-

Anche senza Bacco..mi sa!

(via toscanoirriverente)

November 10th, 2011

(…)vedo che questa sorta di “controcultura” da figli di papa’ radical-chic continua a riproporsi come la peperonata, dagli anni 60.

Il sintomo piu’ lampante della inequivocabile pirleria di questi “ribelli” e’ quello legato al disprezzo per il “lavoro”, che quand’ero ragazzetto io negli anni 70 era considerato una cosa per “regolari”, ossia persone “irregimentate”.

Invece di battersi perche’ ci sia lavoro, e soprattutto affinche il lavoro sia dignita’ e non schiavitu’ salariata, questi imbecilli fanno gli hipster bohemienne che sputano sulla “societa’ borghese”.

Io a questi li manderei a estrarre carbone nell’ex URSS: a fare l’operaio modello nelle miniere di Porcaputtanovsk per battere il record di estrazione del carbone del soviet locale.

November 9th, 2011
toscanoirriverente:

giullare:

In questo schifo di città in cui ogni giorno si vomitano rabbia e vendetta su ogni straniero beccato sul tram senza biglietto… (via [c]* - di cristiano valli - legalità a senso unico)

cazzata iconica.

——-
Davvero complimenti al redattore dell’articolo per la complessità e l’esaustività dei temi trattati, ma…cui prodest?

toscanoirriverente:

giullare:

In questo schifo di città in cui ogni giorno si vomitano rabbia e vendetta su ogni straniero beccato sul tram senza biglietto… (via [c]* - di cristiano valli - legalità a senso unico)

cazzata iconica.

——-

Davvero complimenti al redattore dell’articolo per la complessità e l’esaustività dei temi trattati, ma…cui prodest?
November 3rd, 2011
October 31st, 2011
Federico Rampini illustra da Fazio, in una trasmissione Endemol, la sinistra che deve fare, col suo ultimo libro edito da Mondadori. E porta come esempio di imprenditore comunista Steve Jobs. Quello che fa costruire gli iPod ai regazzini cinesi. Stupendo

Daniele Sepe su Facebook (via lucoli)

(via seventieth)

Iconico.

(via toscanoirriverente)

——-

Mica tanto ironico…un semi auto goal. direi!

(via toscanoirriverente)

October 11th, 2011

Con 10€ puoi: o mantenere Santoro o fare un’adozione a distanza

toscanoirriverente:

Questo è un Paese strano. Un milionario, che ha appena incassato oltre 2 milioni di euro di liquidazione, chiede agli italiani un contributo straordinario di 10 euro. Per fare? Beh, semplice, per far lavorare lui e il suo carrozzone, in tv, e mettere in piedi il solito show composto da vittimismo, censura e antiberlusconismo.

E nel chiedere questi 10 euro sembra chiedere la beneficenza. Perché lui, il milionario, si paragona addirittura al “commerciante tunisino che va con il suo carrettino per vendere frutta e verdura e quando gli impediscono di vendere i suoi prodotti si dà fuoco“.

Il paragone è inquietante. Se Michele Santoro pensa di paragonarsi al tunisino che vende frutta e che si dà fuoco… siamo al ridicolo.

Ma andiamo avanti su questa strada. Perché con 10 euro al mese, tu, voi, potete scegliere di fare due cose. La prima: mantenere Michele Santoro. La seconda: mantere Anita, che è una degli oltre 250 milioni di bambini nel mondo costretti a sopravvivere in condizioni di sfruttamento. Senza istruzione, senza giochi, senza cibo, senza vestiti, senza cure. Senza niente. E questo è tutto vero, non è uno stupido paragone. Con 10 euro al mese è possibile aiutare un bambino a distanza. C’è solo l’imbarazzo della scelta.

Scegliere, cari amici. O Michele, o Anita.

Ovviamente, e ne siamo sicuri, ci sarà molta più gente che manderà soldi a Michele. Siamo un Paese strano, lo abbiamo già detto.

via Daw

——-

Michele…se è quello della Glen Grant! ;-)

September 30th, 2011

Lettere al direttore (2)

toscanoirriverente:

“Caro fascista di merda, mi chiamo Ilfredo Vorticosi-Belletti-Bon in De Magistris ( De Magistris e’ il cognome di mia madre, docente di sociologia LGBT e metempsicosi tzigana a Oxford), sono un giovane intellettuale di sinistra laureato in Scienze della Comunicazione LGBT e avido lettore di Micromega. Mi spieghi perche’ ce l’hai tanto con le idee di sinistra che difendono le minoranze, le tradizioni, le culture e gli oppressi?”

Carissimo, io non ce l’ho con le idee di sinistra, ma con quelli che si chiamano Ilfredo Vorticosi-Belletti-Bon in De Magistris che pretendono di rappresentare chi ha la sfiga di chiamarsi solo Mario, Ahmed o Pablo.
Per quanto riguarda le “culture” e le “tradizioni”, credo che quelli come te e tua madre non abbiano ancora capito la differenza fra il Petrarca e le festa patronale di San Pustolone Martire dove i fedeli si percuotono i coglioni col filo spinato in segno di devozione al santo.

Quello che non entra nel vostro cervelletto da ditteri multiculturali, e’ infatti che la mia identita’ individuale non e’ definita  esclusivamente da quello che mangio, indosso o prego, come credete voialtri cerebrolesi che infestate i mercatini etnici.

A questo va aggiunto che io sono un individuo che appartiene a una “cultura”, e non  il  suddito di quella cultura, che posso anche rigettare in toto in quanto cultura di merda.

Tu mi chiederai: “Ma come facciamo a stabilire se una cultura e’ di merda? Chi puo’ arrogarsi tale diritto imperialista e colonialista?”

Caro Ilfredo, e’ presto detto e ti rispondo con le parole della mia signora circa le graduatorie fra culture: “Se la tua cultura ti fa fare una vita di merda, e’ una cultura di merda.”

Ciao e salutami ammammeta.

Yossarian

——-

AH,ah..ah…!!

toscanoirriverente:

Vincino
ah…

toscanoirriverente:

Vincino

ah…

September 6th, 2011
perché l’America va bene a corrente alterna per gli sbroc, ovvero quando c’è un governo democratico. Allora le guerre diventano missioni di pace e non bisogna ostacolare il libero mercato e guarda come sono bravi che criticano aspramente il loro governo ewwywa Michael Moore altro che da noi, mentre durante i governi repubblicani gli USA sono guerrafondai e avidi capitalisti affamatori del terzo mondo e come si permettono a criticare il presidente che stronzi cattivi.